Camicia grigioverde REI

« Older   Newer »
view post Posted on 6/1/2011, 10:28 Quote
Avatar


Group:
UTENTE
Posts:
6,154

Status:


anche se fosse postbellica direi che sotto un'uniforme non starebbe malaccio. in attesa della prossima!
io nei miei manichini uso un maglione polizia postbellico grigio verde che va benissimo...
 
PM Email  Top
view post Posted on 6/1/2011, 14:04 Quote
Avatar

Moderatore

Group:
MODERATORE
Posts:
6,696
Location:
tuscania VT

Status:


CITAZIONE
Le camicie REI erano,o fatte dalle camiciaie (e non questo il caso,visto che i punti sono inconfondibilmente troppo regolari e fitti per essere stati dati a mano)

Io credo che le camiciaie usassero la macchina da cucire, questa infatti semplifica il lavoro di chi cuce dalla seconda met dell'ottocento, ci che distingue la fattura artigianale sono alcuni piccoli dettagli eseguiti a mano come asole, cucitura dei bottoni (in quella da me postata si pu notare una cucitura a "giglio" oppure in altri casi a "croce"), o i piccoli tasselli di rinforzo degli spacchi laterali fermati con piccolissimi punti appena visibili al dritto. Una cosa che ho notato l'estrema finezza dei punti adoperati sui capi pi datati, questo credo sia il risultato di una perfetta scelta della misura degli aghi in relazione al tipo di tessuto ed al tipo di filo testimonianza della perizia con cui sono state eseguite, inoltre le cuciture internamente sono tutte "ribattute" cio il tessuto in eccesso ripiegato su se stesso e fermato con una seconda cucitura.

La camicia postata da Alpino34 ha un collo con la vela piuttosto aperta (del tipo che va dall'oltralpe "collo alla francese" all'anglosassone "Windsor") chiaramente di ispirazione esotica, secondo una moda che si andra diffondendo nel costume militare italiano dagli anni '50 in poi, ci che pi mi colpisce la finitura interna delle cuciture, qui il tessuto non ribattuto ma fermato con un punto catenella per impedire lo sfilacciamento del materiale, questo non si accorda con una finitura particolarmente accurata ed un accorgimento generalmente adottato laddove il tessuto risulta piuttosto spesso e rigido tale da rendere la ribattitura disagevole e scomoda per chi indossa la camicia.

Le tasche non hanno il rinforzo centrale, caratteristica questa delle camicie militari italiane anche nel dopoguerra, il polsino piuttosto povero e non rigido, molte camicie da ufficiale del dopoguerra conservarono a lungo la predisposizione per i gemelli, alla luce di queste caratteristiche oserei spostare la datazione anche un po pi in avanti.

Sono d'accordo con Carpu65 nel ritenere questa camicia il prodotto di una piccola industria di confezioni anche se via Dante a Milano mi sembra una via piuttosto centrale e prestigiosa, ma... erano altri tempi.
 
PM Email  Top
view post Posted on 6/1/2011, 15:21 Quote
Avatar


Group:
UTENTE
Posts:
6,154

Status:


Contribuisco a questo interessante topic postando le mie camicie gv, appartenute ad un ufficiale di artiglieria, per confronto. Sono entrambe unione militare.
la prima, molto convincente, aperta solo da sopra la pancia, due bottoni sulle maniche.
image
image
image

la seconda, sono indubbio se bellica o meno(ma pqarrebbe di si), confezionata con buona percentuale di rayon, pi lucida. anche in questo abbottonatura sopra la panza. Certo che sudavano mica poco con questi indumenti....

image
image
image

 
PM Email  Top
view post Posted on 6/1/2011, 15:24 Quote
Avatar


Group:
UTENTE
Posts:
2,647
Location:
Milano

Status:


CITAZIONE (Radagast_ @ 6/1/2011, 14:21) 
Certo che sudavano mica poco con questi indumenti....

Non dirlo a me :D

Auferstanden aus ruinen

Se un uomo non disposto a correre qualche rischio per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla o non vale niente lui.

Statisticamente, il 98% dei ragazzi nel mondo ha provato a fumare spinelli. Se sei fra il 2%, copia e incolla questa frase nella tua firma

 
PM Email  Top
view post Posted on 6/1/2011, 15:31 Quote
Avatar


Group:
UTENTE
Posts:
6,154

Status:


:D :D :D
 
PM Email  Top
view post Posted on 6/1/2011, 15:41 Quote
Avatar

Moderatore

Group:
MODERATORE
Posts:
6,696
Location:
tuscania VT

Status:


@Radagast:imageimageimage
 
PM Email  Top
view post Posted on 6/1/2011, 15:47 Quote
Avatar


Group:
UTENTE
Posts:
6,154

Status:


domanda da neofita delle uniformi. le spalline movibili servivano per ?
 
PM Email  Top
view post Posted on 6/1/2011, 18:29 Quote
Avatar


Group:
UTENTE
Posts:
2,647
Location:
Milano

Status:


Niente, credo siano un vezzo dell' ufficiale, come saprai il grado sulle camicie era portato sul petto a sinistra

Auferstanden aus ruinen

Se un uomo non disposto a correre qualche rischio per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla o non vale niente lui.

Statisticamente, il 98% dei ragazzi nel mondo ha provato a fumare spinelli. Se sei fra il 2%, copia e incolla questa frase nella tua firma

 
PM Email  Top
view post Posted on 6/1/2011, 20:19 Quote
Avatar

Moderatore

Group:
MODERATORE
Posts:
3,537

Status:


CITAZIONE (Radagast_ @ 6/1/2011, 14:21) 
la seconda, sono indubbio se bellica o meno(ma pqarrebbe di si), confezionata con buona percentuale di rayon, pi lucida. anche in questo abbottonatura sopra la panza. Certo che sudavano mica poco con questi indumenti....

Il problema non era tanto il taglio;il fatto che l'abbottonatura termini sopra la pancia non rende il capo meno fresco,ma il tessuto.
Consideriamo anche che in piena estate si era costretti ad indossare le uniformi in cordellino (gli ufficiali) ed in panno (i soldati),e parliamo di stoffe di una volta,piuttosto pesanti.
Pensate per un attimo a voi stessi rivestiti di panno grigio verde o di cordellino di lana,a luglio o ad agosto con caldo umido a 30 gradi!!!!!
Una follia.
Detto questo se mi si chiede quando il soldato Italiano stato pi fresco in Estate,risponderei dal 1945 al 1965:
Tenuta in cotone chiaro con camicia e pantaloni.
Oggi vero che hanno tolto la cravatta ed accorciato le maniche,ma i tessuti sintetici sono impossibili,ed il copricapo non una leggera bustina cachi-sabbia,ma un basco in panno di lana,nero per di pi.
 
PM Email  Top
view post Posted on 7/1/2011, 12:35 Quote


Group:
UTENTE
Posts:
2,341

Status:


Invece la cravatta che ho postato nella prima pagina REI? Spero che almeno questa sia giusta :)
 
PM Email  Top
view post Posted on 7/1/2011, 12:49 Quote
Avatar


Group:
UTENTE
Posts:
2,647
Location:
Milano

Status:


@carpu65: Posso confermare ci che hai detto per esperienza diretta: in agosto durante una rievocazione sono stato per 45 minuti fermo (guardia) con divisa grigioverde ed m33 in testa... mi stavo sentendo male. da quel che s per durante la guerra in estate era consentitto portare solo la camicia con maniche alzate (con la tenuta da campo)..

Auferstanden aus ruinen

Se un uomo non disposto a correre qualche rischio per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla o non vale niente lui.

Statisticamente, il 98% dei ragazzi nel mondo ha provato a fumare spinelli. Se sei fra il 2%, copia e incolla questa frase nella tua firma

 
PM Email  Top
view post Posted on 7/1/2011, 19:24 Quote
Avatar

Moderatore

Group:
MODERATORE
Posts:
3,537

Status:


CITAZIONE (Maresciallo93 @ 7/1/2011, 11:49) 
@carpu65: Posso confermare ci che hai detto per esperienza diretta: in agosto durante una rievocazione sono stato per 45 minuti fermo (guardia) con divisa grigioverde ed m33 in testa... mi stavo sentendo male. da quel che s per durante la guerra in estate era consentitto portare solo la camicia con maniche alzate (con la tenuta da campo)..

Si,ma i pantaloni e le fasce mollettiere sempre di panno di lana erano.
Senza contare che se andavi in libera uscita in Estate con 40 gradi dovevi portare l'uniforme completa (con giubba e berretto rigido) in panno di lana...quel panno di lana, poi.
Pesante come un odierno cappotto e pungente come un cespuglio di rovi.
Pazzie in un paese mediterraneo come l'Italia.
Non a caso circolava la battuta che le sentinelle fuori dal Ministero della guerra servivano per non fare entrare il buon senso.

CITAZIONE (alpino34 @ 7/1/2011, 11:35) 
Invece la cravatta che ho postato nella prima pagina REI? Spero che almeno questa sia giusta :)

Direi di si.
Le cravatte della PS erano nere.
 
PM Email  Top
view post Posted on 11/5/2011, 14:01 Quote
Avatar


Group:
UTENTE
Posts:
951

Status:


Aggiungo a questo topic anche la mia; il materiale con cui fatta un cotone molto leggero, internamente presente il marchio credo del cotonificio.
Mi sono state vendute x camice da uff. del R.E., in effetti il colore un grigio verde, il colletto un mod. all'italiana sostenuto da due stecchette tipo plastica, le spalline hanno una forma leggermente pi larga verso la spalla e alle maniche hanno un singolo bottone.
Internamente ha un riforzo sempre in cotone dalle spalle fino alla tasche pettorali, l'abbottonatura frontale composta da n 5 bottoni.
Che cosa mi sapete dite?
Grazie in anticipo.
Saluti.
Luca

image


image


image


image


image


image

 
PM Email  Top
view post Posted on 11/5/2011, 15:11 Quote
Avatar

Moderatore

Group:
MODERATORE
Posts:
6,696
Location:
tuscania VT

Status:


Camicia sicuramente datata ma escluderei si possa trattare di un capo degli anni '30-'40, la taglia in pollici (17 si riferisce alla circonferenza del collo) secondo l'uso americano lo conferma.
 
PM Email  Top
view post Posted on 12/5/2011, 22:22 Quote
Avatar

Moderatore

Group:
MODERATORE
Posts:
5,248
Location:
Alto Mantovano

Status:


CITAZIONE (carpu65 @ 6/1/2011, 20:19) 
CITAZIONE (Radagast_ @ 6/1/2011, 14:21) 
la seconda, sono indubbio se bellica o meno(ma pqarrebbe di si), confezionata con buona percentuale di rayon, pi lucida. anche in questo abbottonatura sopra la panza. Certo che sudavano mica poco con questi indumenti....

Il problema non era tanto il taglio;il fatto che l'abbottonatura termini sopra la pancia non rende il capo meno fresco,ma il tessuto.
Consideriamo anche che in piena estate si era costretti ad indossare le uniformi in cordellino (gli ufficiali) ed in panno (i soldati),e parliamo di stoffe di una volta,piuttosto pesanti.
Pensate per un attimo a voi stessi rivestiti di panno grigio verde o di cordellino di lana,a luglio o ad agosto con caldo umido a 30 gradi!!!!!
Una follia.
Detto questo se mi si chiede quando il soldato Italiano stato pi fresco in Estate,risponderei dal 1945 al 1965:
Tenuta in cotone chiaro con camicia e pantaloni.
Oggi vero che hanno tolto la cravatta ed accorciato le maniche,ma i tessuti sintetici sono impossibili,ed il copricapo non una leggera bustina cachi-sabbia,ma un basco in panno di lana,nero per di pi.

Buona sera,
debbo dire dalla mia esperienza decennale di rievocatore del periodo napoleonico, che in uniforme completa di panno di lana (giacca, gilet camicia di lino , pantaloni e ghette di panno )
si resiste anche i agosto 3-4 giorni senza difficolta una volta sudati.
La disgrazia quando uno di questi materiali sintetico... allora crepi nel vero senso della parola.
Scusate se ho divagato.
Stefano

Tutto fu ambito e tutto fu tentato. Quel che non fu fatto io lo sognai e tanto era l'ardore che il sogno eguagli l'atto.

G. D'Annunzio

Historia vero testis temporum, lux veritatis, vita memoriae, magistra vitae, nuntia vetustatis
Cicerone


"AUDENTES FORTUNA JUVAT" Virgilio

Per Omnia Asperrima
 
PM Email  Top
29 replies since 5/1/2011, 15:20